Managers’Cafè 6 Maggio 2020 – Quali attitudini per costruire una nuova normalità?

In questo inizio della Fase 2, le persone e le aziende si stanno preparando a riprendere le attività. I gruppi di lavoro si adattano a questa nuova realtà, alle norme di distanziamento ed alle precauzioni di sicurezza. Nello  stesso tempo i gruppi  di lavoro sono chiamati a pensare avanti, a questo incerto futuro in cui trovare una nuova normalità. Quali sono le attitudini  necessarie per costruire il  nostro nuovo futuro? Quali le competenze per essere proattivi nei  momenti di grande incertezza?

Ne parleremo insieme, da remoto, al prossimo MANAGERS’CAFE’

MANAGERS’CAFÉ è uno spazio di confronto informale e stimolante in cui si trattano argomenti di management.  Ogni mese un caso aziendale diverso con cui confrontarci.

MERCOLEDÌ  6 Maggio 2020   18.00-19.30
Formazione Network – WEB MEETING

ISCRIVITI AL MANAGERS’CAFE’

IL CASO AZIENDALE: Edoardo è l’imprenditore di una media azienda di servizi. La sua organizzazione è ancora semi-congelata dalla chiusura imposta dalla pandemia, ma Edoardo e il suo gruppo di responsabili sono impegnati come non mai per assicurare la tenuta dell’organizzazione e preparare al meglio la ripresa del lavoro non appena ne avranno la possibilità. Le riunioni del gruppo direttivo sono dedicate completamente ad analizzare il contesto, ancora molto confuso ed incerto, in cui si troveranno ad operare. Edoardo vuole cominciare a delineare quale sarà la nuova normalità della sua azienda, capire quali saranno le nuove modalità operative, quali opportunità nuove si prospettano all’orizzonte, quali servizi potranno proseguire più o meno come prima e quali invece non hanno futuro. Riflettendo sulle discussioni, Edoardo si rende conto che alcune delle persone che siedono intorno al virtuale tavolo di riunione – molte di quelle su cui faceva prima affidamento – sembrano non essere più in grado di produrre nuove idee e pensare possibili progetti. E d’altra parte, è sorpreso da un paio di suoi collaboratori – prima solo di supporto al gruppo – che in questo momento di massima incertezza sono propositivi e molto produttivi. Edoardo si chiede da dove emergano queste differenze. Quali siano le competenze che dovrà sviluppare nei suoi collaboratori perché continuino anche in tempi incerti ad essere i pilastri su cui l’azienda poggia? Quali le attitudini da coltivare?

 La partecipazione è gratuita e limitata a 40 persone, quindi affrettati ad iscriverti

ISCRIVITI AL MANAGERS’CAFE’

Non puoi partecipare?  Seguici ed intervieni nei gruppi Facebook  e Linkedin

MANAGERS’CAFÉ è gestito e facilitato dai coach e consulenti di Formazione Network, che mettono a disposizione la loro ricca e diretta esperienza di consulenza organizzativa e di sviluppo di leadership e di business.
Sei un manager, un dirigente, un imprenditore,  un professionista? Ti aspettiamo al MANAGERS’CAFE’.
Partecipando attivamente al MANAGERS’CAFÉ ti eserciti ad affrontare e risolvere i momenti problematici della tua vita.


Le conversazioni del MANAGERS’CAFE’ – Come scegliere il miglior team possibile?

La settimana scorsa al MANAGERS’CAFE’ abbiamo parlato di come coinvolgere un team, e non era un team qualsiasi ma un team “perfetto” costruito a tavolino da Viola con l’aiuto dei partecipanti dell’incontro di Ottobre.  Quale strategia ha usato Viola,responsabile marketing di un’azienda che ha la responsabilità di lanciare sul mercato due nuovi prodotti strategici per lo sviluppo del business,  ve lo raccontiamo in questo articolo.
Nell’esperienza comune,  condivisa con i partecipanti,  di solito non capita mai di poter scegliere  veramente chi vuoi nella squadra di progetto. Costituire il gruppo di lavoro è sempre  un compromesso ed una negoziazione  tra chi vorresti e chi è disponibile e non coinvolto in altre attività.
Nella nostra storia invece,  Viola ha la sponsorizzazione dell’amministratore delegato per scegliere tutte le persone che desidera.  Il progetto è, infatti,  una priorità assoluta per l’azienda e quindi la sfida che fronteggia è: deve decidere come decidere!

Voi lettori quali criteri utilizzate per scegliere il vostro team? Come costruire un team perfetto, quello che risponderà al meglio davanti alle difficoltà di un progetto impegnativo con tempi di realizzazione strettissimi? Sarà meglio partire dalle competenze, in modo da avere la giusta professionalità per raggiungere le milestone con sicurezza oppure lavorare con persone che hanno un’attitudine tale da mantenere un clima positivo davanti a qualsiasi circostanza?

Le persona al MANAGERS’CAFE’ si sono  divise quasi a metà davanti alla scelta partire dalle competenze o dalle attitudini.  Le attitudini sono quelle qualità quasi innate che una persona utilizza spontaneamente e senza fatica, quegli aspetti di noi che ci caratterizzano agli occhi degli altri. Mentre le competenze sono le capacità di operare che sviluppiamo nella nostra carriera.

Seguendo le preferenze dei nostri ospiti abbiamo diviso la platea in gruppi per determinare a tavolino, in modo estremamente teorico, le caratteristiche  del miglior team possibile.  Tutti si sono messi al lavoro e grazie ad animate conversazioni hanno definito le caratteristiche in termini di competenze o attitudini dei componenti del gruppo di progetto.

Mettendo poi insieme chi ha lavorato sulle attitudini con chi lo ha fatto con le competenze, sono emersi  dei veri e propri profili per individuare le 5 persone che dovranno partecipare al progetto diretto da Viola. Grazie a questi profili la nostra Project Manager potrà scegliere nella sua azienda chi più si avvicina alle descrizioni individuate.

E’ stato divertente vedere la tipologia di gruppi che sono emersi. I profili del team scelti sono stati molto diversi l’uno dall’altro ma avevano tutti una caratteristica comune: la diversità. Persone diverse, alcune molto molto creative accompagnate da altre con un forte senso della realtà, alcune con poche competenze (giovani) altre espertissime.  Le descrizioni dei team erano così vivide che ce li siamo immaginati quasi li avessimo conosciuti.

La discussione è stata molto interessante  ed alla fine si è concentrata sulla figura di Viola, su come dovrà comportarsi per assicurare che il gruppo di lavoro sia efficace.   Infatti in questo caso, come nella realtà, è il leader che si deve adattare al gruppo per fare in modo che la diversità diventi una ricchezza  ed il motore di questi team.

Siete curiosi di utilizzare lo schema per creare il profilo del team del prossimo progetto? Scriveteci, ve lo mandiamo!

 

Managers’Cafè 2 Ottobre 2019 – Come scegliere il miglior team possibile?

Riprendono gli incontri del MANAGERS’CAFÉ  e per iniziare dopo la pausa estiva ti aspettiamo per  riflettere insieme sulle scelta dei  componenti di un team per un progetto sfidante ed impegnativo.

MANAGERS’CAFÉ è uno spazio di confronto informale e stimolante in cui si trattano argomenti di management.  Ogni mese un caso aziendale diverso con cui confrontarci.

MERCOLEDÌ  2 Ottobre 2019  18.00-19.30
Formazione Network – Viale Nino Bixio, 2 – Verona

IL CASO AZIENDALE: Viola è direttore marketing in una media multinazionale italiana con filiali in Europa, negli Stati Uniti ed in Giappone. L’azienda è in piena espansione ed ora sta puntando su una serie di prodotti innovativi per consolidare la sua presenza nel mercato internazionale. Il ruolo di Viola prevede che sia lei la responsabile del lancio di questi prodotti, uno dei quali particolarmente strategico per il futuro del business. L’Amministratore Delegato le ha dato carta bianca per costruire il miglior team per il progetto; in altre parole può scegliere chi vuole per lavorare con lei. I tempi sono stretti, il lavoro da fare è molto e soprattutto ci saranno molti partner da coordinare, sia interni che esterni all’azienda. Viola deve far partire il suo team al più presto, e soprattutto si rende conto che, vista la scadenza molto sfidante, non può fare errori di scelta: deve trovare e coinvolgere fin da subito le persone giuste per costruire insieme un team coeso, che velocemente prende in mano e porta avanti il lancio del prodotto. Grazie all’aiuto dell’Amministratore Delegato, Viola ha già iniziato a pensare ad alcune persone che conosce bene, ma sa che deve anche ampliare il suo sguardo ad altri colleghi, con cui non ha mai collaborato prima. La scelta è complessa, qual è il modo migliore per affrontarla? Quali sono i criteri per scegliere le persone giuste per il team? A chi chiedere supporto? Che domande deve fare per capire se la scelta è corretta?

La partecipazione è gratuita e limitata a 20 persone, quindi affrettati ad iscriverti

ISCRIVITI AL MANAGERS’CAFE’

Non puoi partecipare?  Seguici ed intervieni nei gruppi Facebook  e Linkedin

MANAGERS’CAFÉ è gestito e facilitato dai coach e consulenti di Formazione Network, che mettono a disposizione la loro ricca e diretta esperienza di consulenza organizzativa e di sviluppo di leadership e di business.
Sei un manager, un dirigente, un imprenditore,  un professionista? Ti aspettiamo al MANAGERS’CAFE’.
Partecipando attivamente al MANAGERS’CAFÉ ti eserciti ad affrontare e risolvere i momenti problematici della tua vita.