Managers’Cafè LEGNAGO – 30 Maggio 2019 – EDIZIONE SPECIALE IN COLLABORAZIONE CON ORIENTA

Il MANAGERS’CAFE’   il collaborazione con CULTURA D’IMPRESA ti invita ad un’edizione speciale organizzata a Legnago nella sede di Orienta. 
Vi proponiamo la storia di Zeno, il neo-direttore di un impianto produttivo, che deve affrontare le resistenze di uno dei suoi nuovi capireparto. Questa è un’occasione per parlare di come possiamo usare il nostro potere per evitare di perdere un collaboratore importante per l’azienda.

MANAGERS’CAFÉ è uno spazio di confronto informale e stimolante in cui si trattano argomenti di management.  Ogni mese un caso aziendale diverso con cui confrontarci.

GIOVEDI’ 30 Maggio  2019  18.30-20.00
Orienta  – BURO 37, VIA FRATTINI 37 – LEGNAGO

 

IL CASO AZIENDALE:  Zeno lavora in un’ azienda  metalmeccanica  in cui per molti anni  è stato il responsabile qualità e sicurezza. Nel suo lavoro ha dimostrato grande competenza, conosce bene i processi produttivi,  è riuscito ad introdurre in azienda buoni standard di qualità e la sicurezza dei lavoratori è molto migliorata.  Recentemente, il direttore di uno degli stabilimenti è andato in pensione e la Direzione ha promosso Zeno in questo ruolo per lui nuovo. Le competenze tecniche e l’esperienza certo non gli mancano, ma Zeno si trova ora a guidare un gruppo molto più grande e complesso di operai e capireparto. I suoi capireparto hanno reagito molto bene al cambiamento di Direttore, con l’eccezione di Giorgio, che è certamente il più esperto tra i nuovi riporti di Zeno, e di fatto era il vice del precedente Direttore. Giorgio sta dimostrando grandi resistenze al cambiamento e Zeno teme che, se non intervengono in tempo, non riusciranno a trattenerlo in azienda per molto tempo ancora.
Quali sono le azioni che Zeno può fare e come può usare al meglio il suo potere, anche coinvolgendo  altri, per convincere Giorgio a restare e aiutarlo a superare le sue resistenze?

La partecipazione è gratuita e limitata a 30 persone, quindi affrettati ad iscriverti

ISCRIVITI AL MANAGERS’CAFE’

Non puoi partecipare?  Seguici ed intervieni nei gruppi Facebook  e Linkedin

MANAGERS’CAFÉ è gestito e facilitato dai coach e consulenti di Formazione Network, che mettono a disposizione la loro ricca e diretta esperienza di consulenza organizzativa e di sviluppo di leadership e di business.
Sei un manager, un dirigente, un imprenditore,  un professionista? Ti aspettiamo al MANAGERS’CAFE’.
Partecipando attivamente al MANAGERS’CAFÉ ti eserciti ad affrontare e risolvere i momenti problematici della tua vita.

AIDP Giovani Experience FollowUp- Le sfide HR: Gestire il potere

 

Il 17 aprile si è rinnovato l’appuntamento mensile della collaborazione tra Formazione Network e AIDP Giovani – Sezione Triveneto. Questo quarto incontro è stato ospitato dalla Fondazione CUOA nella loro bellissima sede di Altavilla Vicentina. Il tema proposto è stato dei più difficili sui cui discutere e lavorare: la consapevolezza e l’utilizzo del potere all’interno di un’organizzazione.
La complessità di un simile argomento è notevole, ma lo è anche la sua importanza nel mondo lavorativo. Confrontarsi con il tema del potere significa, in primo luogo, riflettere su sé stessi. Ognuno, infatti, ha dei poteri personali, delle caratteristiche uniche che gli permettono di esercitare un’influenza sugli altri; senza spremersi troppo le meningi, basta pensare al potere di scelta di cui ogni essere umano dispone. In secondo luogo, analizzare il potere comporta confrontarsi con la struttura di un’organizzazione e con la propria posizione in essa. Nella vita lavorativa, una seconda fonte importante di potere è il ruolo che si occupa. Nonostante queste affermazioni possano sembrare quasi banali, sono fondamentali e molto spesso non sono comprese o ricordate a sufficienza. Prima ancora di parlare dell’utilizzo del potere, il principale problema è, infatti, la consapevolezza di esso. Quante volte incontriamo persone che, nella loro posizione, fanno valere solo i poteri di ruolo piuttosto di quelli personali o viceversa. Oppure quante volte conosciamo persone in difficoltà, che non riescono a fare qualcosa solo perché non sono consapevoli di avere il potere di farlo. Avere coscienza e distinguere i poteri nella propria disponibilità è, dunque, il primo passo per contribuire efficacemente al successo dell’organizzazione; non si inizia mai a cucinare senza sapere cosa si ha in dispensa.
Una volta ottenuta la consapevolezza dei propri poteri, il passaggio al loro utilizzo non è, però, affatto automatico. L’uso concreto delle proprie fonti di potere deve, infatti, essere accompagnato dalla coscienza delle responsabilità che esso comporta. La nota frase “da grandi poteri derivano grandi responsabilità” vale anche nella comune dimensione lavorativa di ognuno. Solo a chi mostra coraggio nel prendersi la responsabilità delle proprie azioni vengono positivamente riconosciute dagli altri le sue fonti di potere. Non vanno, inoltre, dimenticati i non indifferenti problemi etici latenti nel concetto stesso di potere. Concretizzare il potere in un’azione porta con sé una scelta etica di fronte alla quale, molto spesso, è difficile rispondere. Il problema deriva dalla mancanza di abitudine e dall’assenza di un’educazione all’uso del potere, motivo per cui è così importante lavorare sulla leadership a tutti i livelli dell’organizzazione. Consapevolezza, assunzione di responsabilità e capacità di utilizzo sono, quindi, i tre elementi fondamentali affinché ogni persona, in qualsiasi ambiente lavorativo, possa utilizzare al meglio i propri poteri per produrre azioni efficaci per l’azienda e per i propri collaboratori. Un potere diffuso basato su questi tre capisaldi facilita, inoltre, la creazione di un clima di trasparenza e di minore contrasto all’interno dell’organizzazione. Maggiore è la consapevolezza personale dei propri poteri e delle connesse responsabilità, maggiore è il riconoscimento da parte degli altri.
Per quanto possibile abbiamo cercato di incanalare questi argomenti teorici nel lavoro in aula. Dopo aver diviso i vari gruppi, abbiamo iniziato il riscaldamento riflettendo su quali siano le fonti di potere di alcune azioni. Si è subito generato un proficuo dibattito, che ha riscaldato l’ambiente in modo da poter passare facilmente ad un’attività più pratica.

I gruppi si sono così confrontati dalla prospettiva di un HR Manager, con la storia di Giorgio, un membro insostituibile di un’azienda contrario, però, alla riorganizzazione di essa. L’obbiettivo è vincere le sue resistenze costruendo un percorso a lungo termine fatto di vari passaggi, ognuno basato sull’utilizzo di un diverso potere alla sua massima potenzialità (dunque un superpotere!). Per rendere più divertente il gioco e le riflessioni ad ogni ‘’step’’ i gruppi pescavano casualmente un superpotere da utilizzare.
Il lavoro ha impegnato tutti al massimo ed, infatti, si sono generati degli ottimi risultati. Ogni gruppo ha proposto una soluzione originale alla problematica di Giorgio mostrando un ottimo assorbimento di un tema così difficile come il potere ed arricchendo notevolmente la già complessa discussione su di esso. A tutto ciò ha contribuito il clima di dibattito aperto e di qualità che si è creato nella sala e che si è mantenuto anche al termine dei lavori. Sicuramente se il fittizio Giorgio avesse avvertito nella sua riorganizzazione aziendale lo stesso entusiasmo che c’era mercoledì non avrebbe opposto la minima resistenza ad essa!
Con la speranza che sia altrettanto entusiasmante vi aspettiamo al prossimo incontro del 15 maggio!

Idea generata, promossa e realizzata da: Daniela Anderluzzi, Katiuscia Bertelle, Laura Alberti, Monica Malavasi, Sara Sasso  per AIDP GIOVANI TRIVENETO

AIDP Giovani Experience – Le sfide HR: Gestire il potere

Lavorare nelle risorse umane è una sfida interessante, per noi una passione.

Ogni ruolo in azienda conferisce potere alla persona che lo ricopre. Essere consapevoli del potere formale ed informale  che abbiamo, e capire quali sono le altre fonti di potere a cui possiamo accedere per raggiungere i risultati che ci prefiggiamo, è la base per essere efficaci nel nostro lavoro. Nelle Risorse Umane il  potere si crea  anche dalla conoscenza di informazioni che sono e devono rimanere riservate, e dal fatto che si è vicini a o addirittura corresponsabili di molte delle decisioni che riguardano la vita delle persone dell’azienda.

GESTIRE IL POTERE – L’iscrizione è aperta a tutti e gratuita ISCRIVITI SUBITO

TI ASPETTIAMO MERCOLEDI’  17 Aprile alle ore 18.30
CUOA Business School
Villa Valmarana Morosini – Via Marconi 103
Altavilla Vicentina (VI)

Quali sono le leve di potere da usare per raggiungere i risultati che ci porteranno al successo? Come possiamo usare il potere in modo positivo per l’organizzazione, per il nostro gruppo e per noi stessi. Come possiamo condividerlo in modo efficace con le persone con cui collaboriamo?

Partecipa agli incontri organizzati con AIDP per confrontarti con altri colleghi e scoprire insieme buone pratiche da utilizzare nella tua azienda.

Gli incontri sono aperti a tutti indipendentemente dal ruolo in azienda ed hanno come obbiettivo quello di sviluppare le competenze dei giovani che lavorano nelle risorse umane.

Con AIDP , che rappresenta in tutta Italia il tavolo di confronto sulle tematiche Risorse Umane, abbiamo organizzato 4 serate per condividere strategie vincenti  da coltivare crescendo professionalmente nelle risorse umane.

In Formazione Network uno dei nostri valori è lavorare con le risorse umane per costruire FUTURO per il business, per l’organizzazione e per le persone. In queste serate Formazione Network guida ed anima il dialogo ed il confronto.

Idea generata, promossa e realizzata da: Daniela Anderluzzi, Katiuscia Bertelle, Laura Alberti, Monica Malavasi, Sara Sasso  per AIDP GIOVANI TRIVENETO