Managers’Cafè 2 Ottobre 2019 – Come scegliere il miglior team possibile?

Riprendono gli incontri del MANAGERS’CAFÉ  e per iniziare dopo la pausa estiva ti aspettiamo per  riflettere insieme sulle scelta dei  componenti di un team per un progetto sfidante ed impegnativo.

MANAGERS’CAFÉ è uno spazio di confronto informale e stimolante in cui si trattano argomenti di management.  Ogni mese un caso aziendale diverso con cui confrontarci.

MERCOLEDÌ  2 Ottobre 2019  18.00-19.30
Formazione Network – Viale Nino Bixio, 2 – Verona

IL CASO AZIENDALE: Viola è direttore marketing in una media multinazionale italiana con filiali in Europa, negli Stati Uniti ed in Giappone. L’azienda è in piena espansione ed ora sta puntando su una serie di prodotti innovativi per consolidare la sua presenza nel mercato internazionale. Il ruolo di Viola prevede che sia lei la responsabile del lancio di questi prodotti, uno dei quali particolarmente strategico per il futuro del business. L’Amministratore Delegato le ha dato carta bianca per costruire il miglior team per il progetto; in altre parole può scegliere chi vuole per lavorare con lei. I tempi sono stretti, il lavoro da fare è molto e soprattutto ci saranno molti partner da coordinare, sia interni che esterni all’azienda. Viola deve far partire il suo team al più presto, e soprattutto si rende conto che, vista la scadenza molto sfidante, non può fare errori di scelta: deve trovare e coinvolgere fin da subito le persone giuste per costruire insieme un team coeso, che velocemente prende in mano e porta avanti il lancio del prodotto. Grazie all’aiuto dell’Amministratore Delegato, Viola ha già iniziato a pensare ad alcune persone che conosce bene, ma sa che deve anche ampliare il suo sguardo ad altri colleghi, con cui non ha mai collaborato prima. La scelta è complessa, qual è il modo migliore per affrontarla? Quali sono i criteri per scegliere le persone giuste per il team? A chi chiedere supporto? Che domande deve fare per capire se la scelta è corretta?

La partecipazione è gratuita e limitata a 20 persone, quindi affrettati ad iscriverti

ISCRIVITI AL MANAGERS’CAFE’

Non puoi partecipare?  Seguici ed intervieni nei gruppi Facebook  e Linkedin

MANAGERS’CAFÉ è gestito e facilitato dai coach e consulenti di Formazione Network, che mettono a disposizione la loro ricca e diretta esperienza di consulenza organizzativa e di sviluppo di leadership e di business.
Sei un manager, un dirigente, un imprenditore,  un professionista? Ti aspettiamo al MANAGERS’CAFE’.
Partecipando attivamente al MANAGERS’CAFÉ ti eserciti ad affrontare e risolvere i momenti problematici della tua vita.


Le conversazioni del MANAGERS’CAFE’ – Come integrare due team e creare senso di appartenenza


Al MANAGERS’CAFE’ di Dicembre abbiamo affrontato una tematica che sta a cuore ad ogni responsabile di team e che si riassume nella capacità di creare senso di appartenenza nella propria squadra di lavoro, per la propria azienda. Per parlarne siamo partiti dal caso di Emma, la responsabile del dipartimento IT, assunta dopo la fusione tra due aziende proprio per   integrare team e  processi produttivi.

Per raggiungere il suo obbiettivo di integrazione  Emma ha puntato sul potenziare e migliorare i rapporti interpersonali; ha organizzato sia team building che momenti formali ed informali di incontro tra le sue persone, convinta che la leva più importante per sviluppare senso di appartenenza sia quella relazionale.

I risultati raggiunti con questo approccio non soddisfano appieno Emma che si è rivolta al Managers’Cafè proprio per un consiglio:  Quali sono gli elementi che contribuiscono ad aumentare il senso di appartenenza in un team?

Ogni leader, come Emma, ha delle carte da giocare per accrescere e sviluppare il senso di appartenenza nel suo team. E con delle reali CARTE MAGIC abbiamo giocato con i partecipanti presenti il 6 Dicembre all’ultimo MANAGERS’CAFE‘ del 2017.

Senso di Appartenenza le aree di sviluppo

Un gruppo si forma intorno ad un obbiettivo o ad una passione e questo tutti noi l’abbiamo sperimentato nella nostra vita personale e professionale. Una volta creato il gruppo  si mantiene coeso grazie al senso di appartenenza che si crea rinforzando le relazioni  personali, quelle valoriali\ideali, il legame con le ciò che si fa (attività) e con gli elementi materiali. 

Nell’infografica a fianco le leve che un leader può utilizzare per sviluppare senso di appartenenza. Abbiamo chiesto ai nostri partecipanti di scegliere, usando le  CARTE MAGIC dell’appartenenza,  gli elementi  che  su di loro funzionano nel cementare il loro  senso di appartenenza.  Non siamo infatti tutti uguali, alcuni elementi sono più importanti per talune persone e meno fondamentali per altri.

A questo punto la conversazione si è sviluppata in piccoli gruppi. Ogni gruppo ha elaborato dei suggerimenti per Emma ( e per chiunque voglia sviluppare spirito di squadra).

Ecco i consigli

Per aumentare il senso di appartenenza attraverso LE RELAZIONI INTERPERSONALI:

  • creare una bacheca social aziendale gestita dal gruppo stesso con momenti aziendali da condividere e convegni ai quali poter partecipare
  • organizzare un evento aziendale nel quale si spiegano i motivi della fusione e i valori aziendali che vanno ad aumentare il senso di appartenenza, offrendo un gadget hi-tech (es.: porta-tablet) creato per l’occasione
  • organizzare una caccia al tesoro con indizi IT “connessi ed interconnessi” con relativi premi hi-tech
  • lasciare il tempo necessario alle relazioni per crescere e consolidarsi senza creare senso di soffocamento

Per aumentare il senso di appartenenza attraverso GLI IDEALI:

  • condividere i valori aziendali
  • analizzare periodicamente il clima aziendale, evidenziando i punti di forza e di debolezza delle persone e dell’azienda stessa
  • chiedere al team quali sono i loro valori ideali

Per aumentare il senso di appartenenza attraverso LE ATTIVITÀ:

  • ristrutturare l’organigramma aziendale e renderlo pubblico in modo condiviso, esplicitando quale sia il ruolo di ogni persona, precedentemente chiarito in un incontro privato
  • definire e distribuire chiaramente le singole responsabilità
  • coinvolgere fattivamente le persone nella definizione dei processi
  • rivedere e verificare periodicamente le attività
  • organizzare momenti formativi interni nei quali ogni persona del team presenta aggiornamenti e novità agli altri
  • intervistare ogni persona del team per avere proposte dirette circa il miglioramento della propria attività, come nuovi programmi o corsi di aggiornamento

Per aumentare il senso di appartenenza attraverso GLI ELEMENTI MATERIALI:

  • creare una casa comune progettata insieme al gruppo
  • creare un luogo di aggregazione ad alta tecnologia
  • rendersi attrattivi per i giovani
  • poter personalizzare il proprio posto di lavoro in modo creativo
  • un giorno alla settimana, istituire un pranzo comune con catering auto-gestito

E’ bello ragionare a budget infinito!  Quali azioni mettereste in atto, quali proposte fareste all’azienda per aumentare il vostro senso di appartenenza e quello dei vostri colleghi e collaboratori?

Il MANAGERS’CAFE’ saluta il 2017 e vi aspetta nel 2018! Grazie a tutti i partecipanti ed a chi ci legge. Il 2018 sarà ricco di novità. Stay tuned

 

Un Grazie particolare  a Paola Angelucci per il suppor SEO

Scuola dell’imprenditoria: Rugby Team Sostegno e Leadership – impressioni dal campo

Le prime impressioni di una giornata intensa e costruttiva ve le mostriamo:

Scuola Per l’Imprenditoria Verona – SABATO 26 SETTEMBRE 2015 – RUGBY:TEAM, SOSTEGNO E LEADERSHIP

Sharks_Scrum20La Scuola per l’imprenditoria di Verona apre quest’anno la sua attività con un incontro, curato da Formazione Network, in outdoor sul campo da Rugby.
Il tema centrale del programma formativo 2015 è la crescita della rete tra imprenditori ed in questo contesto la metafora del Rugby, gioco basato sulla  leadership  situazionale ed il lavoro di squadra, acquista un importanza rilevante.

Nel Rugby ogni giocatore conta sul sostegno dei compagni. Per poter avanzare con la palla si deve giocare consapevoli delle diversità individuali e sostenendosi l’uno con l’altro. Chi cade a terra è certo della presenza del compagno pronto a prendere la palla ed avanzare, chi corre sa di poter passare al compagno col passo più veloce: tutti insieme segneranno la meta.
Il team building per la Scuola per l’Imprenditoria porta gli imprenditori sul campo da Rugby, in modo da sperimentare le dinamiche di questo gioco e, giocando, accelerare la formazione di un gruppo coeso che sa mantenere viva la comunicazione di network ed impara ad esercitare la leadership  tra pari a favore dell’avanzamento comune.

In questo incontro i partecipanti  creano e rafforzano la comunicazione tra di loro, sperimentano la forza dirompente dell’allineamento degli sforzi, valorizzano le differenze di esperienza e di competenza ed infine individuano i comportamenti che favoriscono la cultura della collaborazione.
Perché partecipare?

  •  conoscersi, fare rete  e divertirsi insieme
  •  incentivare la comunicazione
  •  cementare lo spirito di gruppo
  •  creare una cultura di leadership diffusa e situazionale: momenti per guidare e momenti per seguire.

L’esperienza sul campo da Rugby è centrale, ad ogni esercitazione pratica segue la rielaborazione in gruppo per far diventare i comportamenti nel gioco pratiche di business.

Le parti di attività fisica sono adatte a tutti e non necessitano particolari abilità atletiche o motorie.
Il team di  Formazione  Network  è coadiuvato  da uno staff tecnico coordinato da un Allenatore di Rugby  che gestisce la parte di esperienza  sul campo.

Per  saperne di più scuola per l’imprenditori,  iscrizioni ed informazioni info@scuolaimprenditoria.it

Formazione Network lavora con la  metafora del rugby dal 2007 ed ha portato sul campo reti vendite, intere aziende e singoli reparti, associazioni no profit e di volontariato. Abbiamo costruito interventi formativi  per Sviluppo di Leadership, Team Building,  Valori e Visioning, Accompagnamento al Cambiamento Organizzativo, Comunicazione,  Allineamento dei Processi, Lavoro di Squadra, Gestione del conflitto.